Harry Potter Italia - Home
Ultimo Urlo - Inviato da: LoriCoriLeti - Sabato, 03 Gennaio 2015 13:39
I migliori auguri di un buon 2015
News

MKPNews->Libro 7   
Ultimo episodio della saga in vendita su eBay

New York, 19 lug. (Ap) - Fughe di notizie e procedimenti giudiziari hanno caratterizzato l'uscita di "Harry Potter and the Deathly Hallows", settimo episodio della saga del maghetto più famoso del mondo in vendita da domani. Nonostante l'invito dell'autrice J. K. Bowling ad ignorare le versioni apparse su internet, il destino scelto per il maghetto rischia di diventare oggetto di pettegolezzo. Diverse versioni del libro sono infatti circolate su internet. Copie del volume - di cui potrebbero già essere entrati in possesso mille persone - erano addirittura in vendita su eBay con la promessa di riceverle a casa entro il 19 luglio, ovvero un giorno prima della vendita ufficiale. La casa editrice Scholastic ha intentato un'azione legale contro tutte le catene di distribuzione che non hanno rispettato gli accordi di vendita, ma purtroppo la fuga di notizie c'è stata e anche se l'editore si rifiuta di dichiarare se online è apparsa la versione ufficiale, molti hanno già letto il finale. O meglio i diversi finali. Dopo la mezzanotte di domani sapremo finalmente se il destino di Harry Potter riserverà lacrime o sorrisi.

 




Da cervo, Giovedì, 19 Luglio 2007 10:23, Commenti(0), Leggi tutto
Novità sulla traduzione Italiana di HP7!Novità sulla traduzioNovità sulla traduzione Italiana di HP7!

Almeno due persone tradurranno Harry Potter and the Deathly Hallows in italiano: questo non vuol dire che il libro arriverà prima di Natale, ma è sicuramente una buona notizia...

Angela Ragusa, traduttrice di libri per ragazzi, ha dichiarato al Telegiornale regionale della Sardegna su Rai 3 di esser stata incaricata dalla Salani di tradurre le ultime 300 pagine di Harry Potter and The Deathly Hallows.
Questo significa che il settimo ed ultimo volume di Harry Potter sarà il secondo della saga a non essere tradotto interamente dalla traduttrice Beatrice Masini.
Precedentemente la traduzione dell'Ordine della Fenice, il libro più lungo della serie, ha richiesto l'impiego anche di Angela Ragusa e Valentina Daniele.

Si può quindi supporre che la traduzione di Harry Potter and the Deathly Hallows sarà più breve oppure la Salani, imperterrita, potrebbe programmare ugualmente la pubblicazione a fine anno.

Non ci resta che aspettare il 21 Luglio, data in cui Harry Potter and The Deathly Hallows comparirà sugli scaffali delle librerie in lingua originale e data, a quanto sembra, molto vicina a nuove notizie sulla pubblicazione del libro in Italiano da parte della Salani.




Da mikypotter, Mercoledì, 18 Luglio 2007 10:56, Commenti(0), Leggi tutto
I Capitoli del 7° Libro

ATTENZIONE: POTENZIALE SPOILER

E' apparsa online una probabile lista dei capitoli del Settimo Libro, tradotta in italiano.
Per leggerla evidenzia il testo contenuto tra le freccie


--->
1) L'ascesa del Signore Oscuro
2) In memoriam
3) La partenza dei Dursley
4) I sette Potter
5) Guerriero caduto
6) Lo spettro in pigiama
7) Il testamento di Albus Silente
8) Il matrimonio
9) Un nascondiglio
10) Il racconto di Kreacher
11) La bustarella
12) Magia è Potere
13) La Commissione per la Registrazione dei Figli di Babbani
14) Il ladro
15) La vendetta dei Goblin
16) Godric's Hollow
17) Il segreto di Bathilda
18) Vita e bugie di Albus Silente
19) La cerva d'argento
20) Xenophilius Lovegood
21) La storia dei tre fratelli
22) I Deathly Hallows [le reliquie della morte]
23) Il maniero dei Malfoy
24) Il costruttore di bacchette magiche
25) Shell Cottage [nome di una casa, probabilmente; shell vuol dire conchiglia]
26) Gringotts
27) L'ultimo nascondiglio
28) Lo specchio mancante
29) Il diadema perduto
30) Il licenziamento di Severus Piton
31) La battaglia di Hogwarts
32) La bacchetta più anziana
33) Il racconto del Principe
34) La Foresta, di nuovo
35) King's Cross
36) L'errore nel piano

<---



Da selene, Lunedì, 16 Luglio 2007 14:46, Commenti(0), Leggi tutto
Harry Potter: 15 mln per 'embargo'

Per evitare fughe di notizie prima dell'uscita del 21/7
(ANSA) - LONDRA, 15 LUG - Le case editrici Bloomsbury e Scholastic avrebbero speso circa 15 mln per impedire fughe di notizie sul 7/o libro della saga Harry Potter. Il fatidico lancio e' previsto per il 21 luglio e secondo il 'Sunday Telegraph', che ha sparato la cifra, mai si era visto qualcosa di simile nel business editoriale. In Gran Bretagna e negli Stati Uniti le librerie sono state costrette a firmare contratti-capestro sul rigoroso rispetto dell'embargo e le due case editrici hanno assoldato frotte di avvocati.


Da cervo, Domenica, 15 Luglio 2007 22:19, Commenti(0), Leggi tutto
JK Rowling parla di Harry Potter 7


Di seguito vi presentiamo la traduzione integrale dell'intervista a JK Rowling realizzata ieri sera per la BBC dal conduttore Jonathan Ross. Il video dell'intervista è scaricabile a questo indirizzo (tasto destro e "salva con nome"), oppure è visibile su YouTube, diviso in due parti (uno e due).

Jonathan Ross: Il "Jo" nel tuo nome sta per Joanna, ma la K?
Jo Rowling: Proviene dal nome di mia nonna, Kathleen; [gli editori] volevano una seconda iniziale, quindi mi sono inventata un secondo nome.
Ross: Per far suonare meglio il nome, più intellettuale?
Jo No, più maschile. Credevano che il primo libro fosse più adatto ai maschi che alle ragazze.
Ross: Allora chissà per cosa stanno le lettere AS in A.S. Byatt [famosa autrice per ragazzi, ndr.]: Animal sounds? [Ridono] ... Jo, grazie di essere qui. Sono un grande fan dei tuoi libri, e a nome di tutto il Paese devo ringraziarti: che magnifico contributo hai dato alle nostre vite!
Jo: Grazie mille.
Ross: So che non rilasci molte interviste; ma con il passare degli anni è diventato più facile per te? Ti senti più a tuo agio ora che hai finito di scrivere i libri?
Jo: E' sicuramente una liberazione, mi sento molto più rilassata; posso venire qui da te oggi e fare una pessima figura, chi se ne importa?! [Ride]
Ross: Quanti anni della tua vita hai trascorso in compagnia di questi personaggi?
Jo: Diciassette. Avevo 25 anni quando ho avuto l'idea.
Ross: E quanto tempo è passato da quando hai avuto l'idea a quando è stato pubblicato il primo libro?
Jo: Sette anni.
Ross: Hai già qualche progetto per il futuro? Altri libri per bambini?
Jo: Voglio prendermi una vacanza! Poi non so... Ma ho sempre pensato che, se anche continuassi a scrivere solo libri per ragazzi, non lo vedrei mai come un ripiego, una seconda scelta.
Ross: L'altro giorno, mia moglie stava leggendo un libro di Judy Blume a nostra figlia, e mi è sembrato molto bello. Normalmente le direi: "Metti a letto la bambina, così io e te possiamo fare sesso"; ma stavolta ero curioso di sapere come andava a finire la storia. Quando i libri per bambini sono ben scritti, non hanno nulla da invidiare a quelli per adulti. Tornando a noi: è vero che hai scritto l'epilogo della saga fin dall'inizio?
Jo: Sì, l'ho scritto anni fa. Tutti pensano che io lo tenessi in cassaforte, ma non è vero, anzi, lo perdevo in continuazione...
Ross: E non hai mai cambiato idea? Alcuni scrittori imparano a conoscere meglio i propri personaggi nel corso della stesura del libro, e anche se c'è un progetto iniziale, con il tempo può cambiare.
Jo: Qualcosa è cambiato. Ci sono due personaggi che volevo far sopravvivere, e invece ho dovuto farli morire. Ma non dovete pensare che questi siano gli unici due personaggi che moriranno nel settimo libro. Anzi, sarà un bagno di sangue... Be', non proprio, ma i morti sono più di due.
Ross: Non senti di avere una certa responsabilità verso i lettori, che si affezionano ai personaggi e non vogliono vederli morire? Dal punto di vista della narrazione può essere meglio che muoiano, anche per sottolineare la perfidia dei personaggi cattivi; ma per esempio, quando è morto Cedric Diggory a me è dispiaciuto moltissimo.
Jo: A mio marito non ha fatto nessun effetto; Cedric non gli stava simpatico.
Ross: Perché era troppo snob?
Jo: Perché aveva successo con le ragazze.
Ross: Invece io non volevo vederlo morire, perché verso la fine del libro si dimostra una brava persona.
Jo: Se hai pianto per Cedric, hai pianto anche per Silente?
Ross: No, perché era vecchio, ha avuto una vita lunga. [Tutti ridono. Ross manda a quel paese il pubblico, in maniera molto esplicita.] Parlare di magia in un libro pone il problema di cosa la magia può e non può fare?
Jo: Assolutamente, il mio primo problema è stato quello di stabilire i limiti della magia, ciò che la magia non poteva fare. Bisogna avere dei parametri, perché altrimenti non c'è conflitto, e senza conflitto non c'è una storia.
Ross: Naturalmente i libri riflettono la tua visione del mondo. Ma ci sono personaggi particolarmente autobiografici, o personaggi che rappresentano membri della tua famiglia, persone che conosci?
Jo: I tre protagonisti sono probabilmente tre aspetti diversi di me stessa. Soprattutto Hermione, dal momento che a scuola ero piuttosto secchiona e introversa. Con gli anni sono migliorata, e anche Hermione migliora, da questo punto di vista, nel corso dei libri.
Ross: E' un personaggio meraviglioso, ed è bello che alla gente piaccia per come è: forse è parte del messaggio che questi libri trasmettono.
Jo: Me lo auguro.
Ross: Anche Harry è basato sulla tua personalità?
Jo: Sì, anche se c'è molta gente che sostiene di essere stata l'ispirazione per Harry, ma sono tutte sciocchezze.
Ross: Quante persone, fra i tuoi amici e parenti, hanno già letto il nuovo libro?
Jo: Una sola, mio marito. Non aveva letto i libri prima di conoscermi, ma ora è tenuto a dire di essere un fan. Il settimo gli è piaciuto. Mia figlia non l'ha ancora letto, ma riceverà la prima copia. E' stata lei a non volerlo leggere prima che finisse la scuola, perché temeva le pressioni dei compagni di classe.
Ross: Quanto è difficile mantenere il segreto, ed evitare che il libro finisca su internet prima dell'uscita?
Jo: Molto difficile. Gli ultimi tre libri sono stati rubati dalla tipografia. Ma sono stati sempre recuperati. E' una storia complicata, non conosco tutti i dettagli.
Ross: E' stato un elfo domestico? [Tutti ridono]
Jo: No, una guardia della sicurezza.
Ross: Per Dobby l'elfo domestico ti sei ispirata a Gary Lineker? [celebre calciatore inglese, ndr.] Ho sempre voluto chiedertelo, perché c' è una forte somiglianza fisica, le orecchie grandi...
Jo: [piegata in due dal ridere] Assolutamente no!
Ross: Che genere di influenza riesci a esercitare sui film tratti dai tuoi libri?
Jo: All'inizio ho detto di no. Non erano solo quelli della Warner a essere interessati, ma io ho detto no a tutti. Hanno pensato che volessi più soldi, e me ne hanno offerti di più. Ma in realtà il problema era che non volevo dar loro il potere di influenzare la continuazione della storia. Allora ho detto loro che avrei accettato solo se mi avessero assicurato che non avrebbero fatto ulteriori sequel estranei ai miei libri. Altrimenti avrebbero potuto fare "Harry va a Las Vegas"...
Ross: Quindi ti capita di visitare i set. Non sono adorabili i giovani attori? Non è strano che anche loro in un certo senso facciano parte della tua vita?
Jo: Sì, è una relazione strana. Da un lato c'è un senso materno da parte mia, dall'altro loro interpretano qualcosa che è nella mia testa, per cui io e loro incarniamo gli stessi personaggi. Mantenere il cast tutto britannico è stata una bella sfida, non era affatto scontato che accadesse.
[Clip da Harry Potter e l'Ordine della Fenice]
Ross: L'ultima parola del libro è ancora "cicatrice"?
Jo: Lo è stata per molto tempo, ma ora non lo è più. La parola "cicatrice" compare verso la fine, ma non è l'ultima parola.
Ross: Posso chiedere qual è l'ultima parola?
Jo: No.
Ross: [Fa un gioco di parole su "scar" (cicatrice) e "ska" (genere musicale); Jo ride] Come ti sei sentita quando hai finito di scrivere l'ultimo libro?
Jo: Credo che nessuno possa capire davvero come mi sono sentita; non molte persone hanno scritto serie di sette libri nel corso di diciassette anni. E' stata l'emozione più forte che mi sia mai capitato di provare. Non so spiegarti se è stata più intensa l'euforia o la disperazione.
Ross: Hai pianto?
Jo: Non quando ho scritto le ultime parole; ma c'è un capitolo verso la fine che mi ha fatto letteralmente scoppiare in un pianto dirotto. Ero da sola in una stanza d'albergo; ho preso una di quelle bottigliette di champagne da mezzo litro. Singhiozzando, ho aperto il minibar e ho bevuto l'intera bottiglia in un sorso. Poi sono rimasta seduta lì, distrutta. Poi sono tornata a casa, la faccia sporca di mascara... è stato difficile.
Ross: E che scusa hai inventato per giustificare il tuo aspetto? Ubriaca e in lacrime... "Ho appena scritto un capitolo molto difficile..." Nessuno ci avrebbe creduto! [Tutti ridono] Hai intenzione di scrivere altri libri su Harry Potter?
Jo: La storia di Harry giunge a una conclusione piuttosto chiara con il settimo romanzo. Ma ho sempre detto "mai dire mai": non posso sapere come la penserò tra dieci anni. Ma credo sia improbabile.
Ross: E' stato molto bello da parte tua scrivere quei due libri per beneficenza, Animali fantastici e la Storia del Quidditch. L'associazione benefica Comic Relief ti ringrazia prendendoti in giro: guarda un po' qui!
[Clip in cui le famose attrici comiche Dawn French (che nel terzo film interpretava la Signora Grassa) e Jennifer Saunders interpretano rispettivamente Harry e Jo]
Ross: Quei due libri hanno raccolto 16 milioni di sterline per Comic Relief, davvero incredibile. Grazie ancora.
Jo: Grazie a voi.
Ross: Harry Potter avrà presto un parco a tema dedicato a lui. Sarà in Florida o a Los Angeles?
Jo: In Florida. Ci saranno Hogsmeade e Hogwarts. Dovrebbe esserci anche l'Espresso per Hogwarts. Sarà bellissimo.
Ross: Quando aprirà?
Jo: Credo intorno al 2010


Da selene, Lunedì, 09 Luglio 2007 13:04, Commenti(0), Leggi tutto
SCAR

Oggi parliamo di cicatrici. qualcuno disse che "posso essere molto utili" come ad esempio "una perfetta riproduzione delle linee della metropolitana di londra" e quindi non avrebbe senso tentare di rimuoverle o anche solo di nasconderle. per qualcuno sono il segno della battaglia e quindi da ostentare. altre sono invisibili...
a noi interessa al momento il termine cicatrice in quanto significante, cioè la parola stessa; ebbene alla zia JKR è stato chiesto se fosse ancora "scar" l'ultima parola dell'ultimo libro della saga. domanda trita e ritrita, ma questa volta l'autrice sorprende con una risposta nuova: "Scar? It was so for ages, and now it's not. Scar is quite near the end, but it's not the last word." (CICATRICE? è stato così per anni, ma ora non più. cicatrice è abbastanza vicino alla fine, ma NON E' L'ULTIMA PAROLA)
a pochi giorni dall'uscita (21 luglio p.v.) si moltiplicano voci e rivelazioni; la stragrande maggioranza falsi assurdi, raramente qualcuna vera come questa. forse, però, è tardi per cercare di costruire la nostra ultima frase, sicuramente non lo è per dire: meno male! non mi è mai piaciuta la frase da tanti ripetuta "harry, dove è la tua cicatrice?" ed ora ho la conferma che non sarà quella.


Da naufrago, Venerdì, 06 Luglio 2007 16:59, Commenti(1), Leggi tutto
Massima sicurezza per Harry Potter 7

Harry Potter and the Deathly Hallows è stato stampato, in 12 milioni di copie per i soli Stati Uniti, e tutto è pronto per la grande festa di mezzanotte, che avrà luogo il prossimo 21 luglio (ovvero nella notte tra il 20 e il 21).

Ma per preservare la magia di quella notte, è necessario impedire la fuoriuscita di qualsiasi spoiler sulla trama del libro. Le voci diffuse qualche giorno fa su internet, in cui un sedicente hacker proclamava di conoscere i nomi dei personaggi destinati a morire, sono state ufficialmente smentite; quindi possiamo dire che finora non sono trapelate informazioni di alcun genere su Deathly Hallows. Perché le cose rimangano così fino al 21 luglio, l'editore americano Scholastic ha approntato un'infrastruttura degna di un film di spionaggio.

Le pochissime persone che, nella casa editrice, hanno potuto leggere il dattiloscritto o le bozze sono vincolate a un assoluto silenzio. Non possono parlare del libro con nessuno, neppure con le loro famiglie. Tutti sono consapevoli dell'importanza dell'evento: "Questa serie di romanzi è già un classico della modernità" commenta Lisa Holton, presidente della divisione commerciale Scholastic; "Non riesco a pensare a un'altra serie letteraria che possa competere con quella di JK Rowling, sia nella letteratura per ragazzi sia in quella per adulti: neanche Dickens è paragonabile".

Quando la Rowling ha apposto la parola "fine" al manoscritto, qualche mese fa in un albergo di Edimburgo, si è posto il problema di trasportare le preziose pagine negli Stati Uniti. Il compito è toccato a Mark Seidenfeld, consulente legale della Scholastic. Sembra una leggenda metropolitana, ma è la verità: per assicurarsi che il manoscritto fosse al sicuro durante il viaggio aereo, Seidenfeld ci si è seduto sopra... ed è rimasto in quella posizione per tutto il volo.

Fra le altre (poche) persone che hanno già letto il libro c'è ovviamente Arthur Levine, il celebre editor della Scholastic; ma anche Cheryl Klein, 28 anni, che fa un mestiere che in condizioni normali pochi le invidierebbero, ma stavolta ha avuto una responsabilità davvero emozionante. La Klein è infatti una "continuity editor": cioè ha il compito di assicurarsi che non ci siano incongruenze e contraddizioni tra un libro e l'altro. Per riuscirci deve controllare tutti i minimi dettagli, accertarsi che i nomi propri siano scritti sempre nel modo corretto, eccetera. Anche a lei è capitato di portare con sé in aereo una copia del preziosissimo libro, e racconta di essere stata fermata al controllo bagagli... "Ha un bel po' di carta in questa borsa, mi hanno detto. E io, sorridendo: Eh, sì! Ma dentro di me avevo il terrore che leggessero qualche riga e vedessero i nomi di Harry, Ron e Hermione!".

Quest'anno, non si sono ancora verificati episodi eclatanti come quello accaduto due anni fa, per l'uscita del sesto libro, e che sicuramente i nostri lettori ricorderanno: due uomini furono arrestati in seguito a una sparatoria, e accusati di aver tentato di rivendere ai giornali una copia rubata del Principe Mezzosangue. Uno dei due uomini sta attualmente scontando una condanna a 4 anni e mezzo di reclusione.

Una volta che le copie saranno arrivate nelle librerie, la responsabilità cadrà tutta sulle spalle dei negozianti, che hanno già dovuto firmare un lungo e complesso documento che in sostanza impedisce loro non soltanto di aprire gli scatoloni prima del 21 luglio, ma anche di mostrarli a chicchessia


Da selene, Domenica, 01 Luglio 2007 15:37, Commenti(0), Leggi tutto
Voldemort verrà sconfitto?

A poche settimane dall'uscita del settimo libro della saga, la Scholastic ha aggiornato il suo sito con la sesta di sette domande che sta ponendo in preparazione all'ultimo libro: Voldemort verrà sconfitto?
Le possibili opzioni sono quattro, se volete votatene una a questo link!





Da Richelius King, Mercoledì, 27 Giugno 2007 18:03, Commenti(0), Leggi tutto
Un'altra copertina per Harry Potter 7

La casa editrice americana Scholastic ha reso pubblica poche ore fa l'immagine che illustrerà la copertina dell'edizione deluxe di Harry Potter and the Deathly Hallows. Nell'illustrazione, opera come al solito di Mary GrandPre, vediamo Harry, Ron e Hermione a cavallo di un drago. La GrandPre ha dichiarato pochi giorni fa in un'intervista che ogni dettaglio delle sue illustrazioni è significativo, e di dettagli ce ne sono parecchi, in questa splendida immagine. Per esempio, sullo sfondo appare un villaggio che potrebbe essere Godric's Hollow; ed è interessante notare che Harry indossa un maglione, mentre i suoi due amici hanno ancora il mantello di Hogwarts, anche se ridotto a brandelli.


Da selene, Martedì, 12 Giugno 2007 11:11, Commenti(0), Leggi tutto
IL TITOLO ITALIANO DEL 7° LIBRO

Sarà Harry Potter et les Reliques de la Mort, ovvero "Harry Potter e le reliquie della morte", il titolo francese del settimo e ultimo libro della saga. L'edizione francese uscirà il 26 ottobre 2007, ovvero a soli tre mesi di distanza dall'originale, mentre ancora nulla si sa della traduzione italiana. Il sito Portkey.it ha contattato l'editore Salani, e la risposta è stata: "Non abbiamo ancora nessuna notizia ufficiale sulla lunghezza del libro e sulla difficoltà di traduzione, quindi verrà tutto deciso dopo il 21 luglio, quando verrà pubblicato il libro originale. Allora vi informeremo tramite il nostro sito e tramite la stampa." Come i nostri lettori ricorderanno, JK Rowling, consapevole della difficoltà di tradurre nelle altre lingue il titolo "Deathly Hallows", ha deciso di fornire un titolo alternativo su cui le case editrici estere possono basarsi: il titolo è Harry Potter and the Relics of Death, cioè, appunto, "Harry Potter e le Reliquie della Morte". Sulla base di queste informazioni, non ci sembra un balzo logico eccessivo ipotizzare che "Le Reliquie della Morte" possa essere anche il titolo scelto in Italia. Ma come al solito, bisognerà aspettare un pronunciamento ufficiale della Salani, e visto come sono andate le cose per i primi sei libri della serie, può ben darsi che la traduzione italiana si faccia attendere fin dopo Natale.


Da selene, Giovedì, 07 Giugno 2007 09:49, Commenti(1), Leggi tutto
 4 Pagine 1 2 3 4 


MKPNews ©2004-2006 mkportal.it
 

HarryPotterItalia è un sito non ufficiale di un fan club, non è nostra intenzione infrangere nessuna legge o copyright. Il nostro intento è quello di creare un sito che sia ritrovo e risorsa per ogni fan di Harry Potter. I personaggi, i nomi e gli elementi identificativi di Harry Potter sono marchi della Warner Bros. TM © 2009 Diritti di pubblicazione di Harry Potter © J.K.Rowling

Tutto il resto © HarryPotterItalia 2004-2020

MKPortal ©2003-2006 mkportal.it